Cosa desideri trovare?

Film Mine e Mine vaganti

Studio Netiquette / Felicità  / Film Mine e Mine vaganti

Film Mine e Mine vaganti

Film Mine e Mine vaganti

Nelle prossime righe trovi un pensiero che nasce dai film “Mine” di F. Guaglione e F. Resinaro (2015) e “Mine vaganti” di F. Özpetek (2010).
Film che hanno la stessa parola nel titolo, ma parlano di storie molto diverse e girate in luoghi e contesti ben distanti tra loro.

Hai visto entrambi?

Nel caso, questi sono i trailer: un’introduzione o un ripasso.

Questo è del

film Mine

e questo del

film Mine vaganti

Perché ho messo questi film insieme?

Sì, hanno ambientazioni, generi e stili molto slegati tra loro; eppure ho trovato che abbiano qualcosa in comune: una riflessione di fondo che credo possa essere utile anche per la #VitaDaProfessionista.

Perché, per strade diverse tra loro, in questi film viene fuori come sia dentro di ognuno che avviene la detonazione“, è lì dove nascono la volontà e la responsabilità per il cambiamento. Cioè, sta a noi creare le condizioni e coltivare le scelte, per esempio, per una vita felice.

Sì, intorno a ciascuno di noi abbiamo persone, situazioni ed eventi di qualsiasi genere: di fatto sono soltanto stimoli, non cause, perché il cambiamento parte da dentro, appunto.

E anche se questo pensiero mi è molto caro, sento spesso discorsi che invece spostano fuori da sé la responsabilità e la causa dei problemi, dell’infelicità, delle situazioni che vanno in una direzione opposta a quella desiderata: in ogni ambito,

da

  • “Mi ha fatto arrabbiare!” (come a dire che l’altro è responsabile della nostra rabbia)

a

  • “Amazon sta facendo chiudere tutti i negozi” (idem come sopra).

Eppure, trovo sia più utile chiederci “perché?” (come già scrivevo in questa guida) con lo sguardo rivolto verso di noi, verso il nostro interno.

Un po’ come hanno scritto Rosenberg e De Mello a proposito della rabbia e, in generale, della consapevolezza.
Qui, in Rosenberg, con la comunicazione non violenta e il linguaggio giraffa.
Qui, in De Mello, nel libro “Messaggio di un’aquila che si crede un pollo”.

Insomma cosa voglio dire?

Che possiamo soltanto partire dal dentro di noi (anche in ottica di personal branding) per affrontare questa #VitaDaProfessionista e creare i cambiamenti che desideri.

Perché, come dice Derrick de Kerckhove,

“la felicità è una predisposizione interiore”

SteFania di Studio Netiquette

Ciao, sono Stefania Lovaglio, l'autrice di questa guida pratica. Altri spunti e strumenti utili per la #VitaDaProfessionista continuano sulla pagina Facebook “Netiquette” @LaNetiquette

Tu cosa ne dici?