Cosa desideri trovare?

Presenze sull’home page del sito web

Studio Netiquette / Avvio  / Presenze sull’home page del sito web

Cosa mettere nell'home page del sito web - Studio Netiquette

Presenze sull’home page del sito web

Hai un sito web per la Tua attività: sai che ci sono dei dati obbligatori da inserire nell’home pageTra questi

il numero della partita IVA

Si riferisce a chiunque intraprenda “l’esercizio di un’impresa, arte o professione nel territorio dello Stato” o a coloro “che vi istituiscono una stabile organizzazione”. In caso di omissione, la sanzione minima è di 258 € e può arrivare fino a 2.065 €.

P.S. A titolo informativo, per approfondimenti anche sulle società di persone-società semplici e di capitali, la legge di riferimento è la 88/2009.  Contiene i nuovi obblighi di comunicazione. Ti è utile soffermarTi soprattutto sull’art. 42.
Un altro riferimento che puoi consultare è “Internet per l’artigianato e la piccola impresa“, libro di Izzinosa, Pasqua e Corino.

Dicevo, la partita IVA in primis.
Inoltre, per evitare sanzioni, ma soprattutto per trasmettere trasparenza e affidabilità nella Tua comunicazione web, ricorda di inserire nella Tua home page la ragione sociale, la sede dell’attività, l’ufficio del Registro delle Imprese e il numero di iscrizione a eventuali albi.

Ricorda i Tuoi contatti in home page 

Cioè il numero di telefono, l’indirizzo email, eventuali riferimenti social: cioè tutti quei dati che permettono a chi visita il sito web di mettersi in comunicazione con Te. Ricorda anche la posta elettronica certificata (pec): che sia presente o reperibile tra le informazioni.

La normativa fa riferimento nel complesso allo “spazio elettronico destinato alla comunicazione collegato ad una rete telematica ad accesso pubblico”. Per questo Ti (ci) richiede questi dati anche nelle comunicazioni via mail. Puoi inserirli al fondo del messaggio. 

Cookie e condizioni in home page

Molto consigliata e prossimamente obbligatoria è, inoltre, l’informativa sui Cookie. Unita a una sezione dedicata alle Condizioni di utilizzo in cui si spieghi agli utenti che approdano sul Tuo sito web i reciproci diritti e doveri.

In pratica?

  • Inserisci in home page il rimando all’informativa sui cookie dove spieghi cosa sono e quali usi. E poi dedica una sezione del Tuo sito web a questi contenuti in cui spieghi meglio all’utente come le pagine che sta visitando lasciano il segno
  • Inserisci il link al decreto legislativo 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e/o ai successivi sotto i campi di immissione dei dati da parte dell’utente (per esempio sotto i form per contatti e newsletter).
  • Precisa chi è il responsabile dei dati che forniscono. A chi possono chiederne la cancellazione o la consultazione e che non è Tua intenzione (se è così) vendere i dati di cui entri in possesso.

Ti sembra un eccesso di zelo? La questione, in realtà, è sempre più una questione di 

protezione e consapevolezza delle informazioni personali

che rilasciamo, a volte inconsapevolmente, sul Web.

Perché, per esempio, sai che si possono acquistare liste di indirizzi email? Per farne cosa? In genere, per fini commerciali/pubblicitari. È spesso ciò che Ti (ci) fa trovare nella posta elettronica decine di email sconosciute, promozionali, il famoso SPAM

In questi anni poi il grande business è diventato quello dei Big Data: la raccolta dei dati online è diventato a tutti gli effetti un grande interesse per le aziende. E un enorme mercato si è aperto. 

Parentesi – Volessi avvicinarTi a questo tema, online trovi “Big data @l lavoro“. Invece, per una trattazione più approfondita, trovi il testo “Big Data” V. Mayer-Schönberger e K. Cukier.

Ora, torniamo al sito web della Tua attività. Nella Tua home page sono tutti presenti all’appello i dati obbligatori?

SteFania di Studio Netiquette

Per la Tua #VitaDaProfessionista, oltre queste guide pratiche, trovi strumenti utili sulla pagina Facebook “Netiquette” @studionetiquette

2 A questo proposito

Tu cosa ne dici?

2 × 1 =