Cosa desideri trovare?

Attenzione: la netiquette non è l’etichetta

Studio Netiquette / Norme  / Attenzione: la netiquette non è l’etichetta

Netiquette ed etichetta - differenze

Attenzione: la netiquette non è l’etichetta

Mi è capitato più volte di sentire parlare della netiquette come dell’etichetta: l’etichetta nella connotazione – negativa – di formalità.
Oggi l’etichetta – il galateo, il bon ton, diamole tutti i suoi nomi 😉 – è vista più come accessorio da sfoggiare in certi contesti che come codice comune di comportamento educato e di rispetto reciproco. Oggi in altre parole è più legata all’apparenza che alla sostanza.

Tu conosci bene entrambe?
Sai se Ti possono servire nel lavoro?

Ho pensato di proporTi il gioco delle differenze per scoprirlo 🙂

1° differenza tra netiquette ed etichetta

* La netiquette *

è relativa alla comunicazione online, sul Web.
Nasce più o meno negli anni ’90 dall’esperienza comune delle persone alle prese con gli strumenti di interazione di internet, come le email e i forum. Trovi la prima fonte online del 1995.

* L’etichetta *

è relativa “alle buone maniere in società“.
Il “galateo” nasce con il libro di Giovanni Della Casa a metà del 1500, anche se altri codici di buone maniere nel vivere – dalla tavola all’abbigliamento – hanno attraversato i secoli e le culture.

2° differenza tra netiquette ed etichetta

* La netiquette *

serve per interagire a distanza, anche con persone sconosciute (nel contesto lavorativo per esempio). Serve a comunicare in modo chiaro e rispettoso, per entrare in relazione anche senza vedere di persona le espressioni, sentire il tono di voce, capire la postura altrui (in altre parole, anche in assenza della comunicazione non verbale, la CNV).

* L’etichetta *

si applica in tutti quei contesti in cui le persone – conosciute o no – si relazionano faccia a faccia. Parla di norme convenzionali di più ambiti della vita da rispettare a tavola, nel vestire, nell’abbigliamento, dove l’apparire in pubblico è centrale.

3° differenza tra netiquette ed etichetta

* La netiquette *

è sempre sostanza, mai formalità. Quando manca, si sente e la comunicazione ne risente.

* L’etichetta *

be’, a volte è sostanza a volte formalità: anche per la questione delle convenzioni sociali nate fuori dal nostro tempo.

Un esempio.

A proposito di netiquette…

Sei online, hai appena commentato un articolo sui vaccini o sulle nuove sanzioni stradali. L’hai trovato sul gruppo social che segui per aggiornarTi su alcune questioni.
Qualcuno non la pensa come Te. Inizia a scrivere espressioni inopportune, sempre più inopportune; via via diventano veri e propri insulti. A loro volta altri ribattono nella stessa – inopportuna – maniera (si chiamano flame).

Risultato?

Invece di una comunicazione, di un approfondimento sul tema, è diventato un raduno incivile e sterile.

A proposito di etichetta

Vai a casa della Tua amica per cena: conosci solo lei, tutti gli altri, perfetti sconosciuti (a proposito, l’hai visto il film? Merita). Sei arrivata al momento dei tortellini alle erbe: deliziosi. Per raccogliere gli ultimi cucchiai di brodo, inclini il piatto verso di Te. Finito. Poi passi al secondo, manca un po’ di sale, chiedi per favore di passarTelo. Nel frattempo prendi il coltello e tagli una fetta di pane.
Dunque, ho fatto quest’ipotesi perché tutte e 3 sono cose sbagliate per il galateo:

  • il piatto deve essere inclinato esternamente
  • il sale non va aggiunto al cibo preparato dagli altri
  • il pane si spezza con le mani, non si taglia.

Risultato?

Ora che hai trasgredito ben 3 regole del galateo, pensi che l’interazione con gli altri ne risentirà?

Diverso, invece, è se avessi tenuto il Tuo smartphone sul tavolo e l’avessi anche usato mentre qualcuno cercava di intavolare (non c’è verbo più azzeccato qui) una conversazione. Parentesi: questo tipo di trasgressione dell’etichetta oggi ha un nome, si chiama phubbing.

4° differenza tra netiquette ed etichetta

* La netiquette *

è cittadina del mondo, declinata nelle varie lingue. Serve a unire e superare le distanze – di spazio e cultura – attraverso la comunicazione.

* L’etichetta *

cambia da cultura a cultura e segna le differenze tra una e l’altra. Spesso serve a sottolineare identità, ruoli e confini.

Come?

Te ne parlo presto in un’altra guida pratica: questa sta diventando un po’ lunga da leggere tutta d’un fiato 🙂

Te la linkerò nei commenti appena la pubblico. Ora pausa, anche Tu?

 

SteFania di Studio Netiquette

Per la Tua #VitaDaProfessionista, oltre queste guide pratiche, trovi strumenti utili sulla pagina Facebook “Netiquette” @studionetiquette

1 A questo proposito

Tu cosa ne dici?

uno × 1 =