Cosa desideri trovare?

Per il lavoro autonomo professionale è nata una legge

Studio Netiquette / Norme  / Per il lavoro autonomo professionale è nata una legge

Legge lavoro autonomo non imprenditoriale - 81/2017

Per il lavoro autonomo professionale è nata una legge

Dico solo che una prima legge sul lavoro autonomo professionale c’è. Cioè che in Parlamento si sono pronunciati sulla questione dei liberi professionisti, come Te e me. L’hanno fatto con la legge 81/2017, “Misure per la

tutela del lavoro autonomo

non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato”.

Che ci sia ancora molto da fare e che alcuni regimi non abbiamo benefici da questa legge, sì, è vero. “C’è ancora tanta strada da fare, ma almeno abbiamo iniziato“: questo è uno dei commenti che condivido. L’ha scritto Anna Soru, la presidente dell’associazione dei freelance.

Si chiama ACTA, la conosci?

È proprio grazie ad ACTA che la questione di noi professionisti fa passi avanti.

Questa associazione “è politicamente indipendente e si propone di colmare un vuoto nella rappresentanza del mondo del lavoro (…) noi proponiamo nuove modalità di rappresentanza. Le nostre proposte non rientrano in una logica corporativa, ma sono principalmente richieste di equità, di riforme per l’eliminazione di discriminazioni e l’estensione di diritti che dovrebbero essere universali tra lavoratori”.

Per capire la nuova legge

ACTA ha preparato uno specchietto sugli effetti pratici che la 81/2017 nel tempo e nell’immediato ha-avrà sulla vita lavorativa da professionista.

Ti anticipo in breve per sommi capi che nella legge – in vigore dal 14 giugno 2017 – trovi

  • nuove disposizioni con effetto immediato a proposito di spese deducibili, di malattia, maternità, congedo parentale. E di contratti, di clausole abusive, di bandi.
    Per esempio, con questa nuova legge, puoi-possiamo partecipare a pieno titolo ai bandi europei
  • nuove disposizioni che il Governo dovrà attuare entro i prossimi 12 mesi
  • ordinisti e non ordinisti: cioè liberi professionisti iscritti agli albi – come avvocati, medici, commercialisti – e liberi professionisti senza albo – come informatici e web designer.

Ti rimando quindi alla versione dettagliata della tabella di ACTA.

Che puoi confrontare anche con l’articolo pubblicato in 5 schede su IlSole24ore, questo è il link.

Buona lettura e buon lavoro

SteFania di Studio Netiquette

Per la Tua #VitaDaProfessionista, oltre queste guide pratiche, trovi strumenti utili sulla pagina Facebook “Netiquette” @LaNetiquette

1 A questo proposito

Tu cosa ne dici?