Cosa desideri trovare?

Usabilità, cosa significa in 3 parole

Studio Netiquette / Avvio  / Usabilità, cosa significa in 3 parole

Cosa significa usabilità

Usabilità, cosa significa in 3 parole

Ho scritto e parlato tanto volte di usabilità: è centrale per ogni buon risultato di lavoro. Eppure solo oggi mi sono resa conto di non averle mai dedicato una guida di introduzione. Rimedio subito.
Vale la pena fare la sua conoscenza, credimi.

Che poi, in realtà, sai che l’usabilità la conosci?
L’hai conosciuta molto bene proprio quando lei era assente.
Quando

  • Hai spinto una porta per aprirla quando, invece, era da tirare
  • Dall’interruttore hai spento la luce della cucina invece di quella del bagno
  • Ti sei “sperso/a” tra le pagine del sito web che volevi navigare.

In tutti questi casi è stata proprio l’assenza dell’usabilità ad aver creato l’errore.
(Pensa se questo errore fosse stato commesso in un contesto, come dire, un po’ più a rischio: con i pedali della macchina per esempio o il carrello di un sito e-commerce).

A cosa serve l’usabilità nel Tuo lavoro in proprio?

Serve a far raggiungere ogni obiettivo – a Te e ai Tuoi utenti/clienti – con soddisfazione, nel modo migliore per quel contesto e nel minor tempo possibile.

Perché l’usabilità è l’insieme di efficacia, efficienza e soddisfazione nello svolgimento e nell’esito di un’azione.
E così ecco riassunta l’usabilità in 3 parole, come promesso: efficacia, efficienza e soddisfazione. Per qualche parola in più Ti segnalo la fonte ufficiale dell’Organizzazione internazionale degli Standard, l’ISO.

Puoi rendere “usabile” ogni strumento che usi, online e offline e vedrai che tutto andrà meglio: sicuramente la soddisfazione – dei Tuoi clienti/utenti e, di conseguenza, Tua.

Sito web e design con Usabilità - Studio web Netiquette

Passiamo subito alla pratica dell’usabilità

Uno strumento da cui puoi partire è il sito web della Tua attività.
L’usabilità è nella sua grafica, nella sua impaginazione, nella struttura e nell’organizzazione dei contenuti che lo compongono.
È, per esempio,

  • la presenza di un menù chiaro, leggibile e facilmente cliccabile, anche da mobile (smartphone e tablet)
  • la presenza di quel menù su ogni pagina dell’intero sito, nella stessa posizione
  • il colore delicato dello sfondo in buon contrasto con il testo che ospita
  • il carattere (il/la font) leggibile e piacevole di quel testo.

Se nel sito web della Tua attività hai/curi anche un blog

puoi rendere usabile – e quindi efficace, efficiente e capace di essere fruito con soddisfazione – anche lui. Questa è una guida ad hoc. Puoi mettere in pratica oggi stesso le 10 tecniche che contiene.
Al suo interno farai la conoscenza di 3 figure di riferimento dell’usabilità web – Krug, Nielsen e Norman – e di alcuni loro libri capaci di farTi toccare con mano le corde di un mondo di soddisfazione e di piacevole interazione.
(Anche se, detto tra noi, i loro siti non sono così piacevoli).

Adesso puoi iniziare a testare l’usabilità dei Tuoi strumenti di comunicazione: del sito web, del blog, del Tuo ultimo volantino o del catalogo.

L’usabilità dà soddisfazione e risultati tangibili

per ogni tipo e formato di supporto, online e offline.
A me piace molto applicarla sulle pagine web – del blog come del sito web – così come nei libri scolastici: crea un vero stimolo alla lettura, all’interazione e allo studio.

P.S.
Se il Tuo primo check-up vuoi farlo personalmente con noici siamo

SteFania di Studio Netiquette

Per la Tua #VitaDaProfessionista, oltre queste guide pratiche, trovi strumenti utili sulla pagina Facebook “Netiquette” @LaNetiquette

3 A questo proposito

  • Studio Netiquette

    28 gennaio 2017 11:38

    Queste sono le 10 macrolinee guida di Nielsen, scritte nel 1995 e oggi ancora di riferimento, per l’usabilità nel design delle interfacce, come quella di un sito web
    https://www.nngroup.com/articles/ten-usability-heuristics/

  • Studio Netiquette

    2 gennaio 2018 11:00

    “Gli emoji hanno la caratteristica di trovarsi nelle tastiere di tutti i nostri dispositivi digitali. – risponde Chiusaroli (…) – Costituiscono quindi un repertorio accessibile a tutti, e la standardizzazione operata da Unicode crea, di fatto, un terreno di incontro e di confronto, al di là delle differenze. Nell’età di Internet e dei social media, considero un’occasione privilegiata avere dei segni potenzialmente capaci di parlare a tutti”.

    https://goo.gl/QzMkQB

  • Studio Netiquette

    2 gennaio 2018 11:21

    Un esempio “moderno”: l’idea usabile della Norvegia su illuminazione delle strade e risparmio energetico

    https://goo.gl/TkMYn1

Tu cosa ne dici?